Poichè l’unico obiettivo è quello di far ottenere un “bene di rifugio” concreto e tangibile , per diversificare il patrimonio del nostro cliente, creando un asset tangibile per costruirsi nel tempo un proprio capitale (un salvadanaio) in oro fisico puro, certo di possedere un bene / moneta accettato ovunque nel mondo e che l’oro può essere acquistato e detenuto a scopo di investimento in un’ottica di protezione del capitale e di diversificazione del portafoglio, l’obiettivo è quello di tutelarsi dalle svalutazioni e dalle insicurezze economiche e geopolitiche , inoltre considerando che si tratta di un valore universale e facilmente monetizzabile in qualunque momento, apporta all’investitore/ risparmiatore sicurezza e solidità.

     Proprio per le motivazioni sopra-citate,

Va specificato innanzitutto che parleremo e consiglierò unicamente di:

  • Oro fisico puro da investimento a 24k e della massima purezza 999,9 blisterato e munito della certificazione Good Delivery rilasciata dalla LBMA London Bullion Market Association e muniti dell’ologramma Kinegram all’interno del blister (lo stesso che esiste per le banconote per attestarne la veridicità) che fa si che si tratti esclusivamente di oro certificato ( a volte mi capita di parlare con persone che mi attestano di avere già comprato oro tempo addietro ed io gli chiedo: ma il tuo oro è certificato..? Risposta: ma perché l’oro va certificato…? Ed io gli dico: hai mai sentito il detto: non è tutt’oro quel luccica..? Sai un domani che inevitabilmente vorrai cercare di venderlo e non avendo assistenza dovrai pensarci tu facendo il giro delle 7 chiese a raccontare le tue storie, potresti avere delle spiacevoli sorprese, in quanto magari non è della massima purezza dovendogli fare “la saggiatura” e quindi ti verrà conteggiato e valorizzata una grammatura minore in quanto è presente una percentuale di lega come nell’oro commerciale della gioielleria.
  • Oro fisico puro da investimento comprato da aziende autorizzate da Banca d’Italia i famosi Banco Metalli dei quali circa 600 in Italia esiste un elenco ufficiale scaricabile da internet: Elenco Operatori Professionali in Oro con a fianco il codice di autorizzazione rilasciato da Banca d’Italia che significa che è un’azienda munita di Licenza di pubblica sicurezza e che sottostà a tutte le regole ed i controlli imposti da Banca d’Italia in materia di antiriciclaggio e per essere un Banco Metalli non basta avere il suffisso “Gold” nella ragione sociale come Pippo-Gold, Ciro-Gold, ecc no no ci occorre molto ben di più ed inoltre più grande è e meglio è, sicuramente a connotazione nazionale in quanto mi darà più sicurezza del negozio locale o solamente dell’e-commerce su internet.
  • Oro fisico puro non comprato online su internet da un e-commerce in modo impersonale, ma la mia formazione, la mia marcia in più consiste nell’incontrare il mio interessato o in ufficio da me o da lui o anche su videocall, calarmi nella sua realtà e prendergli le misure per ritagliargli un abito di Risparmio in modalità “taylor-made” sulle sue esigenze si, ma anche tenuto conto dell’economia che sta vivendo e di conseguenza della capacità di risparmio che sta avendo e spiegandogli ogni aspetto e valutando tutto quello che può essere migliorativo per la sua situazione per garantirgli un futuro sereno, quindi rappresento una nuova figura del “Family Office” e non del venditore, perché se non consideriamo il valore aggiunto della consulenza andando a spaziare nella fiscalità successiva, negli aspetti dell’asse ereditario caso morte o per pianificazione del cambio generazionale ed altro, ecco allora era veramente sufficiente un e-commerce come per comprare un profumo, ma invece la situazione è molto più profonda e variegata e soprattutto differente da caso a caso.

Mentre ci tengo a precisare che non parleremo mai e ne tantomeno mai  andrò a consigliare:

  • Oro fisico 18k da gioielleria, bello da indossare, ma non come riserva di valore nel tempo, un domani vendendolo ti scaleranno: l’iva, la lega minimo 25-30%, la manodopera e quindi mi valorizzeranno all’incirca il 50% del peso e non il 100%;
  • Oro cartaceo come ETF con sottostante oro, sono definiti da Basilea III (quindi regole bancarie) prodotti speculativi ad alto rischio;
  • Oro fisico puro ma sfuso non blisterato, un domani per venderlo e monetizzare si dovrà fare la saggiatura (i classici 3 prelievi e mandarli a 3 centri analisi differenti) e si potrebbero avere delle amare sorprese, ad esempio il tungsteno ha lo stesso peso specifico dell’oro e potrebbe trattarsi di un lingotto i tungsteno solamente rivestito in oro;
  • Oro fisico puro comprato da privati (anche se può sembrare un’occasione sul momento), assolutamente da non fare, anche qui un domani per venderlo e monetizzare si dovrà fare la saggiatura (i classici 3 prelievi e mandarli a 3 centri analisi differenti) e si potrebbero avere delle amare sorprese;